Gestione rifiuti

Raccolta differenziata: cosa cambia e cosa non si deve fare

E' ufficialmente partito il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti a "calotta": i vecchi cassonetti grigi sono stati sostituiti da:

1. 90 micro-isole o postazioni multi-raccolta composte da un cassonetto grigio con calotta per il rifiuto indifferenziato, un cassonetto marrone con calotta per il rifiuto organico, un cassonetto giallo per la plastica, una campana bianca per la carta e una campana verde per il vetro e l'alluminio (si veda la localizzazione delle isole nell'elenco riportato qui sotto, che parte da Sant'Apollonio verso Valle-Gazzolo);

2. diversi cassonetti grigi con calotta per l'indifferenziato sparsi nelle zone (specialmente i centri storici) nei quali tecnicamente non è stato possibile creare una micro-isola.

L'apertura delle calotte avviene con un dispositivo elettronico (chiavetta).

L'obiettivo del nuovo sistema è duplice: favorire l'aumento della percentuale di raccolta differenziata, superando il limite previsto per legge del 65% e diminuire la quantità di rifiuto indifferenziato e, quindi, i costi per il suo smaltimento. Il nuovo sistema sta creando qualche disagio perché il posizionamento della calotta ha modificato il nostro modo di "buttare l'immondizia". Il vecchio saccone contenente tutto lo sporco prodotto è infatti destinato a sparire.

Gli aspetti più importanti da evidenziare sono:

1. L'utilizzo della chiavetta è illimitato. I cittadini potranno aprire le calotte tutte le volte che vorranno e L'AMMONTARE DELLA TASSA RIFIUTI NON DIPENDERÀ DAL NUMERO DELLE APERTURE.

2. Rispetto al vecchio sistema, la quantità di sporco indifferenziato prodotto diminuirà e contestualmente si assisterà all'aumento delle percentuali di differenziata, soprattutto plastica e carta. L'incremento di queste frazioni di rifiuto sarà coperto dall'AUMENTO DEI CASSONETTI DELLA PLASTICA (da 35 a 90) E DELLE CAMPANE DELLA CARTA (da 54 a 90) e dal RADDOPPIO DEL LORO SVUOTAMENTO: da una a due volte a settimana.

3. LASCIARE LO SPORCO FUORI DAL CASSONETTO È SBAGLIATO. Se un cassonetto o una campana sono pieni bisogna cercare la postazione successiva più vicina. Anche perché gli operatori che raccolgono il fuori cassonetto sono un costo per il Comune che i cittadini pagano con la TARI.

4. Il primo e il terzo mercoledì di ogni mese è previsto il RITIRO GRATUITO A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI (televisioni, frigoriferi, divani etc.): per prenotarsi al servizio è necessario chiamare il NUMERO VERDE 800 437 678 con almeno tre giorni di anticipo rispetto al giorno del ritiro. La chiamata può essere effettuata da lunedì a venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 15 (primi appuntamenti per il mese di febbraio: MERCOLEDÌ 4 E MERCOLEDÌ 18; per il mese di marzo: mercoledì 4 e mercoledì 18).

5. Le batterie, le pile esauste, le lampade a vapori di gas tossici e tubi catodici, gli oli alimentari e minerali, i farmaci scaduti, i cellulari, i computer e i rifiuti pericolosi possono essere portati all'ECOCAR, un furgone attrezzato per la raccolta che sosterà a Lumezzane dalle ore 8,30 alle ore 12,30 ogni primo mercoledì del mese presso il mercato di Pieve e ogni primo venerdì del mese presso il mercato di Sant'Apollonio.

6. Tutto lo sporco differenziato può comunque essere portato presso il CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (via Moretto, 21), tutte le mattine da lunedì a sabato, dalle ore 7 alle 12 e i pomeriggi di lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 13,30 alle 17,30. Le utenze commerciali-produttive possono conferire al Centro di Raccolta solo alcune tipologie di rifiuti e possono accedere solo con i necessari documenti di trasporto dei rifiuti e nel rispetto del regolamento comunale in materia. La grande novità rispetto al passato è che per l'ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA SARÀ NECESSARIO UTILIZZARE LA CHIAVETTA.

Per funzionare correttamente, il nuovo sistema necessita della collaborazione di tutti i cittadini affinché sensibilizzino le persone meno attente alla salvaguardia dell'ambiente e alla raccolta differenziata dei rifiuti. In particolare, si ribadisce: qualora il cassonetto fosse pieno, utilizzare quello posto nelle vicinanze e non abbandonare i rifiuti attorno ad esso o, ancor peggio, lungo la strada; oltre ad essere un gesto di scarso rispetto dell'ambiente in cui tutti viviamo, questo è un comportamento costoso per le nostre tasche!

In queste settimane saranno attivati dei SISTEMI DI CONTROLLO per contrastare questo tipo di comportamenti: verranno utilizzati dei sistemi di videosorveglianza e ai trasgressori saranno applicate SANZIONI.

Si ricorda che tutte le informazioni relative al servizio sono riportate nel libretto consegnato assieme alla chiavetta. Per ulteriori approfondimenti è possibile contattare il n° verde di Aprica 800 437 678, il sito www.aprica.spa.it o scrivere adinfo@apricaspa.it, oppure contattare il Comune di Lumezzane.

 Vedi qui sotto la localizzazione delle 90 micro-isole,  nuova guida al conferimento dei rifiuti e la presentazione del nuovo servizio illustrata negli incontri informativi con la popolazione.

 

 

 

Allegati

Guida al conferimento

Note: Scarica

Presentazione raccolta rifiuti.pdf

Note: Scarica

Localizzazione micro isole

Note: Scarica

Ultima modifica: Mer, 23/12/2015 - 17:20