Contributi e patrocini - Eliminazione delle barriere architettoniche

Riferimenti normativi:

  • Legge n. 13 del 9 gennaio 1989;
  • Legge regionale N. 6 del 20 febbraio 1989;
  • Legge Regionale n. 5 del 2008.

 

La Legge n. 13 del 9 gennaio 1989 consente al cittadino con disabilità permanente di ottenere un contributo economico a parziale copertura delle spese sostenute per la realizzazione di opere per il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche nell'edificio privato in cui questi ha la residenza o ha intenzione a trasferirla.

 

TIPOLOGIE DI EDIFICI PER I QUALI PUÒ ESSERE RICHIESTO IL CONTRIBUTI:

  • Edifici esistenti alla data dell’11 agosto 1989 (si considerano esistenti gli immobili con concessione edilizia), relativamente a tutti gli interventi di superamento e abbattimento delle Barriere Architettoniche;
  • Edifici esistenti dopo l’11 agosto 1989, a condizione che ci sia il provvedimento di agibilità, relativamente alle sole opere di adattabilità;
  • Immobili destinati a Centri o istituti residenziali pubblici e privati per l’assistenza ai disabili esistenti alla data dell’11 agosto 1989;
  • Parti comuni dei condomini privati e a partecipazione mista pubblico/privata.

Le domande vanno presentate prima della realizzazione dell'opera al Comune in cui si trova l'immobile, il quale, dopo averne valutata l'ammissibilità, provvede a trasmetterle alla Regione Lombardia. La Regione quindi assegna al Comune la somma richiesta a titolo di contributo, facendo riferimento ai seguenti criteri:

  • per costi fino a € 2.582,28: il contributo è concesso in misura pari alla spesa effettivamente sostenuta;
  • per costi da € 2.582,28 a € 12.911,42: il contributo è aumentato del 25% della spesa effettivamente sostenuta (es. per una spesa di € 7.746,85, il contributo è pari a € 2.582,28 più il 25% di € 5.164,57, cioè di € 3.873,43);
  • per costi da € 12.911,42 a € 51.645,69: il contributo è aumentato di un ulteriore 5% (es. per una spesa di € 41.316,55 il contributo è pari a € 2.582,28 più il 25% di € 10.329,14, più il 5% di € 28.405,13, cioè di € 6.584,83);
  • Se la spesa supera € 51.645,69, il contributo erogato sarà comunque pari a quello riconosciuto per quel tetto di spesa e, cioè, € 7.101,28.

 

La liquidazione del contributo al cittadino viene effettuata sulla base delle spese effettivamente sostenute e comprovate da fatture quietanzate.

 

L'aliquota IVA applicabile su beni e servizi destinati ai disabili è del 4%; sono riconosciute anche le spese di progettazione dell'opera (con aliquota IVA del 20%).

 

Non è possibile beneficiare di un contributo complessivamente superiore ad €. 7.101,28 per l'eliminazione delle barriere architettoniche nelle parti comuni dell'edificio, e ad €. 7.101,28 per l'eliminazione delle barriere architettoniche all'interno dell'alloggio, nel caso in cui siano stati precedentemente concessi altri contributi.

Il provvedimento dell'Amministrazione non può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato e il procedimento non può concludersi con il silenzio assenso dell'Amministrazione.

Adempimenti

Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria, compresi i fac simile per le autocertificazioni:

  • Domanda domanda scritta per interventi su edifici costruiti od integralmente recuperati sulla base di un progetto presentato dopo l’11 agosto 1989;
  • Domanda scritta per interventi su edifici esistenti alla data del 11 agosto 1989;
  • In busta chiusa e in carta libera certificato debitamente sottoscritto da un medico, da cui risulti esplicitamente:
    1. l’handicap dell’avente diritto all’intervento,
    2. la/e patologia/e da cui tale handicap deriva,
    3. le obiettive difficoltà che ne derivano;
  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio (già predisposta nel modulo);
  • Eventuale copia in busta chiusa del certificato dell’A.S.L. (o fotocopia ufficializzata dal richiedente), attestante l’invalidità totale qualora il portatore di handicap voglia avvalersi della precedenza ai fini della liquidazione del contributo;
  • La seguente documentazione che individua precisamente ed esclusivamente le opere oggetto di richiesta del contributo:
    1. relazione descrittiva,
    2. disegni,
    3. computo e/o
    4. preventivo di spesa;
  • Eventuale verbale dell'assemblea condominiale (per opere che riguardano parti comuni di un edificio).
  • Fattura dei lavori.

 

Recapiti a cui presentare le istanze:
Ufficio Protocollo, via Monsuello 154, Lumezzane
Centralino, tel.: 03089291
PEC: comune.lumezzane@cert.legalmail.it

Costi

Una marco da bollo da € 16,00 da apporre sul modulo di richiesta.

Tempi

TERMINE FISSATO DALLA NORMATIVA PER LA CONCLUSIONE CON L’ADOZIONE DI UN PROVVEDIMENTO ESPRESSO E OGNI ALTRO TERMINE PROCEDIMENTALE RILEVANTE:

30 giorni (formazione elenco dei beneficiari).

E' possibile presentare la richiesta di contributo in qualsiasi momento dell'anno.

Il Comune trasmette alla Regione le domande pervenute nel mese di marzo di ogni anno (pertanto le domande presentate dopo il 1° marzo vengono trasmesse alla Regione solo nel marzo dell'anno successivo).

N.B. La pubblicazione della graduatoria rappresenta la richiesta ufficiale che il Comune fa alla Regione del fabbisogno necessario per l'anno di riferimento: si prega di non considerare il momento della pubblicazione della graduatoria come il momento a partire dal quale i fondi sono già disponibili presso il Comune. 

Note

MODALITA’ CON LE QUALI GLI INTERESSATI POSSONO OTTENERE LE INFORMAZIONI RELATIVE AI PROCEDIMENTI IN CORSO CHE LI RIGUARDINO:
- Direttamente allo sportello
- Contatto telefonico
- e-mail

STRUMENTI DI TUTELA, AMMINISTRATIVA E GIURISDIZIONALE, RICONOSCIUTI DALLA LEGGE IN FAVORE DELL’INTERESSATO, NEL CORSO DEL PROCEDIMENTO E NEI CONFRONTI DEL PROVVEDIMENTO FINALE OVVERO NEI CASI DI ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO OLTRE IL TERMINE PREDETERMINATO PER LA SUA CONCLUSIONE E MODI PER ATTIVARLI:
Ricorso al difensore civico, ricorso gerarchico (alternativo rispetto al ricorso al TAR), ricorso giurisdizionale innanzi al TAR.
Giurisdizione esclusiva (quindi compresa la lesione di diritti soggettivi) del TAR in caso di risarcimento del danno ingiusto cagionato in conseguenza dell'inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento.

Destinatari

Cittadini con disabilità permanente, che hanno la residenza abituale nell’immobile per il quale richiedono il contributo

Settore di riferimento

Servizi Tecnici e Territoriali

Dirigente

Gian Piero Pedretti
0308929211
gianpiero.pedretti@comune.lumezzane.bs.it

Sede

Via Monsuello, 154 25065 Lumezzane

Personale addetto

NOME DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO, RECAPITI TELEFONICI ED E-MAIL:
Arch. Elena Grasso
Tel.: 030 8929213
e-mail: elena.grasso@comune.lumezzane.bs.it

NOME DEL SOGGETTO A CUI È ATTRIBUITO, IN CASO DI INERZIA, IL POTERE SOSTITUTIVO, NONCHE’ MODALITÀ PER ATTIVARE TALE POTERE E RECAPITI TELEFONICI E DELLE CASELLE DI POSTA ELETTRONICA ISTITUZIONALE:
Segretario e Direttore Generale
Dott.ssa Maria Concetta Giardina
Potere attivabile mediante richiesta scritta al protocollo
Tel.: 030 8929237
e-mail: segreteria.generale@comune.lumezzane.bs.it

Orari

Servizi lavori pubblici e manutenzioni - Municipio, Via Monsuello 154, Lumezzane

Orari:
Lunedì 10:00-13:00;
Martedì 09:00-19:00;
Mercoledì 10:00- 13:00;
Giovedì 10:00-13:00;
Venerdì 10:00-13:00

Tel.: 030 8929213

e-mail: elena.grasso@comune.lumezzane.bs.it

Livello di informatizzazione

Download modulistica. Disponibili on-line da scaricare i moduli necessari ad avviare la procedura che porta allerogazione del servizio

Livello di informatizzazione futura

Download modulistica. Disponibili on-line da scaricare i moduli necessari ad avviare la procedura che porta allerogazione del servizio

Tempi di attivazione del servizio online

Non appena possibile, in base alle disponibilità di bilancio, alle limitazioni imposte dalla spending review e a quelle necessarie per rispettare il patto di stabilità, verrà quantificato il tempo necessario per l'attivazione del servizio on line del presente procedimento.

Data di aggiornamento scheda

24/08/2017

Risultati delle indagini di customer satisfaction

Dal giugno 2010 la Provincia sta monitorando il grado di soddisfazione manifestato dagli utenti circa i servizi offerti, al fine di migliorare gli stessi. I dati riferiti agli ultimi 12 mesi sono consultabili cliccando sul link "consulta le statistiche degli ultimi 12 mesi" all'interno del box che si trova in fondo a questa pagina dedicato all’iniziativa "Mettiamoci la faccia" promossa dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Mettiamoci la faccia

esprimi il tuo giudizio sul servizio
premendo uno dei simboli colorati

indica il motivo principale della tua insoddisfazione premendo su uno dei pulsanti

Grazie per il tuo voto. Arrivederci.

Hai già votato per questo servizio. Arrivederci.
Consulta le statistiche degli ultimi 12 mesi