Stato Civile - separazione assistita

Il Decreto Legge 12 settembre 2014 n. 132 poi convertito in legge,  ha introdotto importanti novità riguardo alla  separazione personale dei coniugi, cessazione degli effetti civiliscioglimento del matrimonio.

Viene infatti introdotta la procedura della negoziazione assistita da un avvocato o accordo  innanzi all'Ufficiale di Stato Civile  al fine di raggiungere una soluzione consensuale a seconda dei casi: ci deve quindi essere un accordo tra le parti, in mancanza, l’unica strada alternativa è quella della procedura giudiziale.

Quando rivolgersi all'Ufficiale di Stato Civile

E’ possibile rivolgersi all'Ufficiale di Stato Civile per concludere accordi finalizzati alla separazione consensuale, richiesta congiunta di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni di separazione o di divorzio a condizione che:

-          la coppia non abbia figli minori, figli maggiorenni incapaci, figli portatori di handicap, figli economicamente non autosufficienti

-          non siano previste clausole patrimoniali (come ad esempio l’uso della casa coniugale, l’assegno di mantenimento,..)

Ci si può rivolgere a:

-          Comune di residenza di uno dei due coniugi

-          comune  dove è stato celebrato il matrimonio (civile o religioso)

L’accordo concluso davanti all’Ufficiale di Stato Civile:

-          non può contenere patti di trasferimento patrimoniale o clausole aventi carattere dispositivo sul piano patrimoniale

-          prevede il diritto al ripensamento: l’Ufficiale di Stato Civile, dopo aver ricevuto le dichiarazioni dei coniugi, li invita a comparire di fronte a sé non prima di 30 giorni, per la conferma dell’accordo. Nel caso in cui i coniugi non adempiano all’obbligo di comparizione nella data fissata per la conferma dell’accordo, la mancata comparizione equivale a mancata conferma dell’accordo e della stessa viene dato conto nei registri di Stato Civile. Nel periodo intercorrente la data dell’atto e quella fissata per la conferma, l’Ufficiale dello Stato Civile svolgerà idonei controlli, ai sensi dell’art. 71 del DPR 445/2000 sulla veridicità delle dichiarazioni rese dai coniugi circa l’assenza di figli.

-          è sottoposto al pagamento di un diritto fisso, da esigere all’atto della conclusione dell’accordo corrispondente ad € 16,00

L’Ufficiale di Stato Civile, dopo la conferma dell’atto da parte degli interessati, comunica l’avvenuta iscrizione alla Cancelleria del Tribunale presso il quale sia stata eventualmente iscritta la causa concernente la separazione o il divorzio.

Quando rivolgersi all’Avvocato?

La convenzione può riguardare coniugi con o senza figli minorenni o con prole maggiorenne incapace o portatrice di handicap ovvero economicamente non autosufficiente, possono inoltre prevedere accordi patrimoniali.

I coniugi, nella stipula della convenzione scritta di negoziazione assistita, dovranno obbligatoriamente farsi assistere almeno da un avvocato per parte per concludere il procedimento.

L’accordo raggiunto con l’assistenza degli avvocati è trasmesso al procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente il quale, quando non ravvisi irregolarità, ovvero quando ritenga che l’accordo risponda all’interesse dei figli, comunica agli avvocati il nulla osta, ovvero autorizza l’accordo ai fini degli adempimenti successivi.

L’avvocato della parte è obbligato a trasmettere, entro il termine di dieci giorni, all’Ufficiale dello Stato Civile competente, copia autentica dell’accordo, munito delle attestazioni e certificazioni previste per legge, per le trascrizioni ed annotazioni nei registri di Stato Civile.

 

Adempimenti

Per l'accordo concluso davanti all'Ufficiale di Stato Civile: 

1)      ognuna delle parti separatamente ritira o scarica dal sito del comune il modulo della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà

2)      fa pervenire all’ufficio protocollo del Comune la dichiarazione sostitutiva di cui al punto 1 compilata firmata con allegata copia carta d’identità :

3)      Gli interessati fisseranno un appuntamento con l’Ufficio di Stato Civile (030-8929206) per la successiva firma dell’accordo alla quale dovranno esser presente entrambe le parti.

Costi

   L'accordo concluso davanti al Sindaco è sottoposto al pagamento di un diritto fisso, da esigere all’atto della conclusione dell’accordo corrispondente ad € 16,00

Settore di riferimento

Sportello al Cittadino - Ufficio Relazioni con il Pubblico - Servizi Demografici

Responsabile

Lauretta Staffoni
030 8929249
lauretta.staffoni@comune.lumezzane.bs.it

Sede

Via Monsuello, 154 25065 Lumezzane

Personale addetto

Responsabile Area Sportello al Cittadino: dott.ssa Staffoni Lauretta

Dott. Moretti Vincenzo 0308929257 - stato.civile@comune.lumezzane.bs.it

Chiamare per fissare un appuntamento

Orari

Sportello al Cittadino, via Monsuello 154, Sede Municipale

parcheggio dalla piazza

parcheggio sotterraneo al Centro Commerciale Noal

Orario:

lunedì dalle 10.00 alle 13.00

martedì dalle 9.00 alle 19.00

mercoledì - giovedì - venerdì dalle 10.00 alle 13.00

giovedì pomeriggio: solo su appuntamento

Livello di informatizzazione

Informativo. Disponibili on-line solo le informazioni necessarie per avviare la procedura che porta all'erogazione del servizio

Livello di informatizzazione futura

Informativo. Disponibili on-line solo le informazioni necessarie per avviare la procedura che porta all'erogazione del servizio

Tempi di attivazione del servizio online

Non appena possibile, in base alle disponibilità di bilancio, alle limitazioni imposte dalla spending review e a quelle necessarie per rispettare il patto di stabilità, verrà quantificato il tempo necessario per l'attivazione del servizio on line del presente procedimento.

Data di aggiornamento scheda

10/08/2017